Grünenthal utilizza i propri cookie e quelli di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione, offrire contenuti personalizzati e migliorare i propri servizi. Utilizziamo script di analisi che impostano i cookie di tracciamento. Maggiori dettagli e informazioni possono essere trovati nella nostra Informativa sulla privacy - si prega di fare riferimento a questo per regolare le impostazioni per il tracciamento analitico del sito web (ad esempio, abilitare/disabilitare).

 

Sono d'accordo

;

Il nostro impegno contro il dolore

Il dolore ha un peso enorme. Ha un impatto sui pazienti - così come sulle loro famiglie, sugli amici, su chi si prende cura di loro e sulla società nel suo complesso. Si stima che circa una persona su cinque in tutto il mondo soffra di dolore cronico1, che equivale a circa 1,4 miliardi di persone. Il dolore è uno dei motivi più comuni per cui le persone cercano assistenza medica2 e questo comporta un enorme onere economico per i sistemi sanitari. Per le diverse forme di dolore cronico non esiste uno standard di cura e, quando previsto, ha un'efficacia limitata3. Il dolore cronico è uno dei motivi principali per cui le persone lasciano prematuramente il mondo del lavoro e contribuisce in modo significativo al pensionamento per disabilità4. Sebbene siano pochi i decessi causati dal dolore, molte persone, ancora muoiono, con il dolore e molte di più vivono nel dolore.

Data la prevalenza e gli effetti debilitanti del dolore, in Grünenthal consideriamo il dolore, quando diventa cronico, come una malattia a sé stante e non più un semplice sintomo. Come leader mondiale nella gestione del dolore da quasi 50 anni, siamo pienamente consapevoli del fatto che il dolore non sia ancora adeguatamente gestito. Per questo siamo determinati a cercare nuovi farmaci per il trattamento del dolore. Siamo anche fortemente impegnati a trasformare quest’area, ridefinendo e dando forma al futuro della gestione del dolore attraverso la nostra ricerca e attingendo alle innovazioni esterne delle collaborazioni e dei nostri network.

1 Goldberg, D.S. and McGee, S.J., 2011, Pain as a Global Public Health Priority. BMC Public Health, 11, 770.
2 Gureje, O., Simon, G.E., Von Korff, M., 2001, A cross-national study of the course of persistent pain in primary care. Pain. 92: 195-200.
3 Pain Alliance Europe, 2017, Survey on Chronic Pain 2017, Diagnosis, Treatment and impact of Pain.
4 Saastamoinen, P. et al., 2012, Pain and disability retirement: a prospective cohort study.

Perche’ il dolore e’ importante

1 su 5

o 1,4 miliardi di persone in tutto cronico il mondo soffrono di dolore cronico1

21

% dei pazienti con dolore cronico soffre per più di 20 anni2

78

% dei pazienti con dolore afferma che il loro trattamento non è stato all’altezza delle aspettative3

 
500

milioni di giorni di malattia all'anno in Europa sono dovuti al solo dolore muscoloscheletrico4

 
60

La percentuale di incapacità lavorativa permanente in Europa è dovuta al solo dolore muscoloscheletrico5

 
34

miliardi di euro persi dall’economia europea a causa del dolore cronico6

1 Goldberg, D.S. and McGee, S.J., 2011, Pain as a Global Public Health Priority. BMC Public Health, 11, 770.
2 Breivik, H. et al., Survey of chronic pain in Europe: Prevalence, impact on daily life, and treatment, European Journal of Pain 10 (2006) 287–333.
3 Pain Alliance Europe, 2017, Survey on Chronic Pain 2017, Diagnosis, Treatment and Impact of Pain.
4 Bevan, S. et al., Reducing Temporary Work Absence Through Early Intervention: The case of MSDs in the EU, 2013.
5 Bevan, S. et al., Reducing Temporary Work Absence Through Early Intervention: The case of MSDs in the EU, 2013. 6 Wiffen, P., Pain – there is a lot of it. Eur J Hosp Pharm. 2013; 20:1.

 
Link esterno:
Stai per abbandonare il sito di www.grunenthal.it per essere indirizzato ad un altro sito. Le informazioni contenute in questo sito potrebbero essere soggette a norme diverse da quelle vigenti in Italia. ... Annulla ... Ok